sabato 30 agosto 2014 | 06:11

La lettera

Caso Sarlo, Scopelliti scrive: «L'alternativa
ci avrebbe esposto a sicure critiche»

Il governatore risponde al direttore del Quotidiano sulla nomina della dirigente indagata: «Se non ci fossimo comportati così saremmo dovuti ricorrere a studi e consulenti esterni, con un conseguente aggravio di spesa. E saremmo stati comunque contestati»
Caso Sarlo, Scopelliti scrive: «L'alternativa
ci avrebbe esposto a sicure critiche»

Giuseppe Scopelliti

CARO Direttore, Perché? Mi spiego subito. Se uno dei suoi giornalisti viene raggiunto da un avviso di garanzia per diffamazione a mezzo stampa (cosa possibile in questa stagione) o per altri motivi, lei cosa fa? Gli vieta di scrivere? Voglio evidenziare che sulla proposta di delibera del Dipartimento Salute, in sede di Giunta, ho chiesto ai tecnici presenti se il Dipartimento "Controlli" fosse quello deputato a svolgere le funzioni, per come previsto dalla normativa. Mi è stato risposto che nessun altro Dipartimento lo avrebbe potuto fare e che la soluzione alternativa sarebbe stata quella di ricorrere a studi e consulenti esterni, con un conseguente aggravio di spesa. Certamente non sarebbero mancati, sul suo giornale come su tanti altri, articoli che avrebbero messo in evidenza tale fatto "nella stagione della spending review, dei dati Istat che indicano l'aumento della povertà e della disoccupazione nel Mezzogiorno..." e se non fosse più opportuno fare svolgere questo compito a strutture e professionalità interne. Vede Direttore, viviamo in un Paese molto strano che ha perso ormai la bussola, dove purtroppo anche l'informazione fa la sua parte. Mi spiego meglio: la Presidenza della Repubblica viene "intercettata" e sbattuta sulle prime pagine dei giornali; uomini di primo piano della Polizia di Stato vengono condannati senza pensare al fatto che hanno combattuto negli ultimi trent'anni il terrorismo prima e la 'ndrangheta dopo, rischiando in prima persona e ottenendo eccellenti risultati. 

L'Italia è il Paese in cui la morte del consigliere D'Ambrosio scandalizza tanti, anche quelli che avrebbero dovuto evitare quella gogna mediatica. Rivedo, in questa ultima mia affermazione, la carenza di umana pietà verso Orsola Fallara, perseguitata e condannata ancor prima di essere processata. 

Caro Direttore, forse andrebbe evidenziato che si tratta di una non notizia, in quanto questo incarico rientra pienamente nelle normali mansioni di quel Dipartimento, quindi non è ad personam ma riguarda il Dirigente pro tempore che ricopre l'incarico. Caro Direttore, la ringrazio per lo spazio che mi ha concesso, e spero di aver esplicitato bene il mio pensiero. La saluto, come sempre, in piedi e... affettuosamente.

 

Giuseppe Scopelliti

Presidente della Regione Calabria



 

 

Prendo atto, come del resto avevo scritto, che la sua decisione è ineccepibile sul piano tecnico ma lei mi informa che era possibile un'altra soluzione. La dottoressa Sarlo avrà modo di dimostrare la sua innocenza davanti ai giudici, ma al momento è indagata per ipotesi di reato di non poco rilievo proprio per il modo con il quale avrebbe ottenuto il suo incarico di dirigente pro tempore del dipartimento da cui discende la nomina di cui si parla. Motivi di opportunità potevano consigliare l'altra possibile soluzione. La ringrazio per la sua risposta ma con sincerità le confesso che non riesco ad archiviare il mio interrogativo. 

Matteo Cosenza 

lunedì 10 settembre 2012 11:17

I blog di Il Quotidiano

MitaBorgogno
La cornacchia

di Mita Borgogno

Una lettera dalla Nuova Zelanda

 
DomenicoTalia
Serendipity

di Domenico Talia

Il Vice-Cancelliere è umano

 
BrunoGemelli
Miele&Fiele

di Bruno Gemelli

Sangue di gallina

 
FrancescoMollo
Mollo tutto

di Francesco Mollo

Quella saudade della domenica sera...

 
 Aceto & Gangi
SOS Mamme

di Aceto & Gangi

Il pesciolino rosso bollito

 
Padre RoccoBenvenuto
Santu nostru

di Padre Rocco Benvenuto

Chicago si mobilita nel nome di Francesco

 
FabioCuzzola
Zero in condotta

di Fabio Cuzzola

Leonida, Enea e gli unici scudi che conosciamo.

 
MaurizioZavaglia
Out of Calabria

di Maurizio Zavaglia

Il gelato australiano viene prodotto da calabresi

 

Il Quotidiano Foto